Breve viaggio mattiniero fra la cenere dell'inferno cefaludese Breve viaggio mattiniero fra la cenere dell'inferno cefaludese

Cefal¨

Breve viaggio mattiniero fra la cenere dell'inferno cefaludese

Il nostro viaggio parte dal lungomare. Il risveglio dopo le fiamme Ŕ assai amaro. Il fuoco non ha risparmiato nulla. Ha distrutto tutto ci˛ che ha incontrato.

Redazione - 17/06/2016

Abbiamo fatto un breve viaggio mattiniero fra i luoghi visitati dalle fiamme nella giornata dell'inferno cefaludese. Il nostro viaggio parte dal lungomare. Il risveglio dopo le fiamme Ŕ assai amaro. Il fuoco non ha risparmiato nulla. Ha distrutto tutto ci˛ che ha incontrato. Salendo verso santa Lucia ed ammirando la sua baia si presenta un altro spettacolo di desolazione. Anche qui le fiamme non hanno risparmiato proprio nulla. In alcuni casi sono andati in cenere investimenti ed anni di lavoro. Qualcuno grida al miracolo per la chiesetta che non Ŕ stata toccata dal fuoco.

Dirigendoci verso Mazzaforno e attraversano Ogliastrillo ci si presentano solo immagini di alberi abbattuti, case circondate dalla cenere e campagne distrutte. Salendo per Roccazzo la scena non cambia. Come non muta il paesaggio di nero e fumo nemmeno al Monte. Scendendo per Campella notiamo ancora immagini di abbandono e distruzione. Fumo e cenere dicono che le fiamme hanno bruciato tutto. Divelti i pali telefonici che in qualche caso ardono ancora. Qui a Campella, purtroppo, quando si dovevano spegnere le fiamme Ŕ andata in tilt la linea elettrica che avrebbe permesso di usare l'acqua delle cisterne.



Anche Pisciotto Ŕ stato colpito dalle fiamme. Dove Ŕ arrivato il fuoco Ŕ rimasto solo un deserto nero di cenere e fumo. Le fiamme sono arrivate a ridosso dell'ospedale ed oggi vedere quel nero di cenere fa toccare con mano quanto pericolo abbiano corso i ricoverati del Giglio. Passando oltre la Rocca e dirigendoci verso Sant'Ambrogio si vedono ancora per terra le frasche decespugliate un giorno prima. A Fiume Carbone, invece, dove le fiamme si sono alzate nel pomeriggio di giovedý tutto sembra essere adesso sotto controllo. Il fumo Ŕ ancora sui luoghi. Servirebbe qualche lancio d'acqua. Davanti agli occhi solo tanta distruzione. Molte le piante di ulivo che le fiamme hanno abbattuto per terra. In alcune il fuoco vi cova ancora per terra.


LEGGI ANCHE


CEFALU'

17/08/Iurato, Caccamo, Zanicchi, i Nomadi nel cartellone estivo
17/08/Venerdý concerto di Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
17/08/Giunge alla 7░ edizione la manifestazione Passeggiata sul Mare
17/08/Da Caltavuturo arrivano i Gruppi Folk internazionali
17/08/Il Real Teatro di S. Cecilia e il Carnevale di Palermo

Il Real Teatro di S. Cecilia e il Carnevale di Palermo

17/08/Iurato, Caccamo, Zanicchi e i Nomadi nel calendario estivo
10/08/Al via il progetto ôScopriAmo Gratteriö, c
10/08/il Castello di Roccella ospita il Wanderlust Jazz Duo
09/08/Il reliquiario con le Lacrime in visita a Gratteri
08/08/E' scomparso il maestro Angelo Cangelosi
07/08/Al Via questa sera la XVIII Mostra Mercato
07/08/Anche i Giochi di Fuoco il 13 agosto
05/08/Museo Mandralisca: ad agosto nuovo orario
02/08/Primo posto per la poetessa Margherita Neri Novi
01/08/Torna a riunirsi il Consiglio comunale

Finalmente un nome alle vie in importanti contrade

30/07/Oggi la manifestazione Spiagge e fondali puliti
27/07/Due eventi da non perdere nel prossimo week - end
27/07/Presentazione del libro Il miraggio della terra nella Sicilia post-risorgimentale
26/07/Il prof. Salvatore Piazza ricorda il Maestro Nino Ippolito
26/07/Lettara aperta ai cittadini di Pedalino e Ficano
26/07/Incendio in contrada stretto: nota dell'Assessore Taravella
25/07/Lo Street Food Festival cerca proprio te!
24/07/ Happening en plein air di ventuno pittori , successo di pubblico
24/07/Questa sera il The Bass Quartet in Concerto con Musiche da Film
23/07/Un mondo di FelicitÓ per Davide e Alida