Tecnologia Wind

Wind: aumentano i costi per chi ricarica in ritardo

Da oggi gli utenti Wind che ricaricheranno in ritardo il proprio credito rispetto alla scadenza del rinnovo del piano tariffario pagheranno qualcosa in più. Agli utenti Wind è infatti arrivata la comunicazione della modifica unilaterale del meccanismo di accredito dei costi in caso di ricarica in ritardo – e quindi di credito insufficiente al momento del rinnovo del piano tariffario – per tutte le ricaricabili standard, e quindi la maggioranza degli utenti.

La decisione arriva per anticipare l’adeguamento alle regole del Regolamento Roaming Like at Home, che da qualche tempo consente a tutti gli utenti europei di usufruire delle soglie per minuti, sms e internet acquistate nel proprio paese, anche dagli altri paesi UE. Wind quindi anticipa una tendenza che vedrà poi anche gli altri operatori adeguarsi.

Dal 2 Dicembre 2019 i clienti di Wind telefonia mobile, titolari di una carta ricaricabile standard con un’offerta con traffico incluso, riceveranno ad ogni eventualità di credito insufficiente per l’attivazione e per il rinnovo delle opzioni attive sulla SIM, ad eccezione dei costi relativi alle offerte roaming, un addebito di 99 centesimi di euro che gli consentirà di utilizzare il traffico incluso nella propria offerta fino alle 23:59 del “giorno di ricarica”. Qualora anche nel giorno successivo il credito ancora insufficiente – e quindi a mancata avvenuta ricarica – l’operatore addebiterà ulteriori 99 centesimi allungando il tempo in cui sarà disponibile il traffico ad altre 48 ore.

Dopo questo secondo addebito, non ce ne sarà un terzo: nel caso il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimarrà attiva in sola ricezione o per le chiamate d’emergenza. L’addebito, che può arrivare al massimo a 1,98€, viene scalato dalla ricarica successiva in aggiunta al costo del rinnovo del piano tariffario. Il meccanismo si intende valido non solo per il rinnovo mensile del piano tariffario, ma anche per l’addebito di ulteriori opzioni attive. Questo significa che la somma potrebbe essere addebitata anche più volte in un mese, in base al numero di opzioni attive in eventuali date diverse. Tali importi non si applicano se il cliente Wind attiva o ha già attivato il servizio Autoricarica.

Fino a questo momento non era previsto un addebito fisso, ma un addebito del costo del traffico effettuato fino a un massimo di 0,99 Euro al giorno.

L’articolo Wind: aumentano i costi per chi ricarica in ritardo proviene da TechCave.it.