Come riutilizzare gli avanzi di frutta e verdura per far felici i più piccini: la guida

La cucina del recupero è un argomento molto importante e attuale. Oltre a utilizzare gli scarti e gli avanzi di frutta e verdura per produrre compost, è possibile trasformarli anche in pitture atossiche. Questa idea, sebbene originale, in realtà richiama le pratiche antiche, quando per dipingere si impiegavano prodotti naturali come fiori, spezie e vegetali pigmentati da proteine naturali.

Spesso i genitori sono alla ricerca di prodotti atossici per far divertire i propri bambini, soprattutto i più piccoli che tendono a mettere tutto in bocca. Tuttavia, spesso si spendono cifre elevate senza ottenere risultati soddisfacenti. In questo articolo, verranno presentate delle tecniche facili per produrre pitture utilizzando gli avanzi di vegetali.

I coloranti naturali possono essere ottenuti facilmente utilizzando spezie come la spirulina blu o verde e la curcuma. Ad esempio, le foglie di cavolo cappuccio, che possono avere diverse colorazioni, possono essere frullate insieme a un po’ di olio per ottenere pitture di vari colori, dalle sfumature di verde al rosso e al viola. Anche la barbabietola può essere utilizzata per ottenere una colorazione fucsia, sia frullandola che utilizzando l’acqua di cottura unita a un po’ di amido.

Dai frutti rossi troppo maturi è possibile ottenere diverse tonalità di rosso semplicemente frullandoli. Per ottenere una colorazione blu, invece, si possono utilizzare i mirtilli maturi frullati e setacciati, ottenendo un blu tendente al viola. Aggiungendo un po’ di spirulina blu è possibile ottenere un blu più intenso, mentre alcune gocce di aceto lo trasformeranno in rosso.

Per ottenere il giallo, si possono utilizzare la buccia di limone, i peperoni gialli o le carote gialle, frullandoli con l’aggiunta di un po’ di olio o utilizzando un estrattore. Per intensificare il colore giallo si può aggiungere un po’ di curcuma, mentre per ottenere l’arancione si può utilizzare dello zafferano. I vegetali, essendo ricchi di acqua, tendono ad avere colori principalmente liquidi, quindi è possibile addensarli con un po’ di farina o amido. Per facilitarne l’applicazione e migliorarne la resa, si può aggiungere dell’olio di semi, mescolando fino a ottenere la consistenza desiderata.

Queste sono solo alcune idee per ottenere colori diversi utilizzando scarti diversi di frutta e verdura, e per far divertire i bambini.

In conclusione, la cucina del recupero non si limita solo all’utilizzo degli avanzi di frutta e verdura per produrre compost, ma offre anche la possibilità di creare pitture atossiche utilizzando gli stessi scarti. Questa pratica, che richiama le antiche tradizioni, permette di realizzare coloranti naturali utilizzando spezie e vegetali pigmentati da proteine naturali. In questo modo, i genitori possono offrire ai propri bambini prodotti atossici e divertenti, senza dover spendere cifre elevate. Sperimentando e utilizzando gli avanzi di vegetali in modo creativo, è possibile ottenere una vasta gamma di colori e stimolare la fantasia dei più piccoli.
Continua a leggere su MediaTurkey: Come riutilizzare gli avanzi di frutta e verdura per far felici i più piccini: la guida

Lascia un commento