Cosa succede quando mangiamo sempre ai soliti orari? Ecco la risposta dei nutrizionisti

Mangiare a orari fissi è una consuetudine sociale che molti si chiedono se sia una sana abitudine. A differenza del sonno, il timing dei pasti non è necessario per la nostra salute. Mangiare a pranzo a mezzogiorno e a cena alle 20 è solo una convenzione sociale e non necessariamente fa bene al nostro corpo. Gli esperti consigliano di gestire i pasti in base alla fame e alle reali necessità del nostro organismo. Non ascoltare i bisogni del corpo può farci sentire disconnessi da noi stessi. Lo stesso vale per gli spuntini, che vanno fatti in base alla fame e non solo per abitudine. Ogni individuo è diverso e agisce secondo le proprie regole, quindi è importante capire il proprio corpo e i suoi bisogni reali. Alcune persone mangiano tanto in un solo pasto, mentre altre saltano il pranzo. Bisogna valutare se si arriva affamati al pasto successivo o si ha stanchezza dopo il pasto principale per migliorare le proprie abitudini. La colazione resta comunque il pasto più importante della giornata secondo gli esperti.
Continua a leggere su MediaTurkey: Cosa succede quando mangiamo sempre ai soliti orari? Ecco la risposta dei nutrizionisti

Lascia un commento