Cosa succede se si esagera con il miele? Ecco la verità assurda

Il miele è stato considerato un bene prezioso fin dall’antichità, apprezzato dagli Assiri, gli Egizi, i Greci e i Romani. Era uno dei pochi alimenti dolcificanti disponibili prima della scoperta dello zucchero di canna, anche se quest’ultimo ha un valore nutrizionale inferiore e può essere dannoso per la salute. Negli ultimi tempi, il miele ha riacquistato popolarità grazie alla sua capacità di ridurre i costi di produzione. È prodotto dalle api attraverso il nettare e la melata dei fiori, che utilizzano come fonte di nutrizione per sé stesse e per la loro prole. Tuttavia, come per tutto, anche il consumo eccessivo di miele può avere effetti negativi sulla salute. Il miele è composto principalmente da zuccheri come glucosio, fruttosio e saccarosio, oltre all’acqua e alle proteine. Anche se è considerato un tipo di zucchero migliore, più sano e digeribile rispetto a quello raffinato, continua comunque ad essere uno zucchero che può contribuire all’aumento di peso. Alcuni studi hanno evidenziato che l’organismo può avere difficoltà a gestire grandi quantità di zucchero presenti nel miele, soprattutto per quanto riguarda la regolazione del livello di zucchero nel sangue. Questo può essere un problema per i diabetici e anche per le persone con livelli di glicemia “normali”, che possono sperimentare sintomi di iperglicemia. Inoltre, l’eccessivo consumo di miele può causare problemi digestivi come la stitichezza e può anche portare alla formazione di carie dentali e allergie, specialmente per coloro che sono allergici al polline. Il miele ha proprietà calmanti e rilassanti, ma un consumo eccessivo può causare episodi di pressione bassa. Per mantenere un equilibrio, si consiglia un consumo di 30-90 grammi di miele al giorno per gli adulti.
Continua a leggere su MediaTurkey: Cosa succede se si esagera con il miele? Ecco la verità assurda

Lascia un commento