Pompelmo: si può mangiare se si soffre di gastrite?

Gli agrumi sono molto apprezzati da tantissime persone, in particolare il pompelmo viene usato da coloro che vogliono mantenere la giusta forma fisica dato che contiene pochissime calorie ma tanti sali minerali e vitamine di qualità che sono molto importanti per il nostro organismo.

È l’unico agrume che non ha una provenienza asiatica ma proviene invece dalle Americhe, per poi essere importato a partire dal Seicento in poi. Come quasi tutti gli agrumi anche il pompelmo è un ibrido, ovvero è “nato” da due varianti probabilmente l’arancio dolce e il pomelo.

Anche se ha innumerevoli benefici per il nostro organismo ed è molto utilizzato in cosmetica e anche in erboristeria, anch’esso presenta delle controindicazioni specifiche, in questo caso infatti, ci potrebbero essere alcune difficoltà legate alla gastrite. Si tratta di una condizione molto diffusa che può diventare anche cronica e in questo caso, bisogna cambiare immediatamente stile di vita e migliorare anche l’alimentazione in modo tale da non avere problemi causati da questi fattori. Molti però si chiedono se in caso di gastrite, il pompelmo può essere comunque utilizzato. Andiamo a scoprire la verità.

Pompelmo: si può mangiare se si soffre di gastrite?

In commercio, questo agrume è molto diffuso e viene, come abbiamo detto prima, utilizzato per varie cose. Ne esistono tantissime varietà e le più comuni sono quello giallo e quello rosa, il primo viene ad esempio utilizzato nelle insalate, mentre il secondo, essendo più dolce, viene utilizzato principalmente a colazione.

Ma tutte le versioni sono apprezzate dato che hanno un’azione saziante sul nostro organismo ma allo stesso tempo contengono pochissime calorie e pochi grassi, a differenza della vitamina A, C e B, di cui sono molto pieni. Inoltre, contengono molte fibre solubili e insolubili, che sono indispensabili per andare in bagno. 

Arrivando ora alla nota dolente di questo agrume, bisogna dire che non va molto d’accordo con la gastrite cronica. Si tratta di un disturbo che coinvolge le pareti interne dello stomaco, che può essere causata anche da una cattiva alimentazione o anche da un consumo eccessivo di fumo ed alcol.

Ovviamente il pompelmo non è la causa di questa condizione ma sicuramente può aggravare i sintomi, dato che può portare a bruciori ma anche a diarrea. Essendo molto acido è consigliato mangiarlo non a digiuno e con altri alimenti. 

Lascia un commento