Che disturbo mentale ha Oliver in Saltburn?

Il protagonista Oliver, interpretato da Barry Keoghan nel film “Nella mente di Oliver in Saltburn”, manifesta comportamenti anormali che destano curiosità riguardo ai disturbi mentali di cui soffre. Nel corso della trama, Oliver si svela gradualmente, mostrando diverse sfaccettature della sua personalità e permettendo agli spettatori di esplorare in profondità la sua psiche.

Inizialmente, a Oxford, Oliver si presenta come una persona amichevole, sebbene possa apparire un po’ riservato. Tuttavia, una volta a Saltburn su invito di Felix, membro della famiglia aristocratica Catton, Oliver rivela la sua vera natura ossessiva e manipolatrice, interagendo con i Catton. Il suo piano di prendere il controllo di Saltburn e della fortuna dei Catton diventa evidente e non esita a causare distruzione per raggiungere il suo obiettivo.

Durante tutto il film, si nota chiaramente l’inclinazione di Oliver verso comportamenti sociopatici, specialmente quando emerge il suo lato più oscuro. Questo comportamento manipolatore e violento, insieme a una generale instabilità emotiva, solleva spontaneamente domande sul suo stato mentale. Oliver dimostra un’assenza di rimorso per le sue azioni, come si vede nella scena finale del ballo, dove giustifica tutto ciò che ha fatto nella sua mente.

Analizzando nel complesso il comportamento di Oliver, emergono evidenti tendenze al controllo e alla manipolazione costante, tanto da sembrare un personaggio diverso a seconda delle diverse fasi della storia. La sua propensione alla violenza culmina in numerose morti, segno distintivo del Disturbo della Personalità Antisociale, normalmente associato alla sociopatia.

Nella confessione finale del film, Oliver rivela apertamente le sue azioni, i motivi e i sentimenti, fornendo ulteriori dettagli sulla sua psiche. È evidente che Oliver è disposto a tutto pur di raggiungere il suo obiettivo e che la verità venuta a galla lo ha spinto a commettere l’omicidio come unica opzione rimasta. La sua mancanza di rimorso e la capacità di giustificare tutte le sue azioni nella sua mente confermano ulteriormente il suo disturbo mentale.

In conclusione, nel film “Nella mente di Oliver in Saltburn”, Oliver presenta chiari segni di un Disturbo della Personalità Antisociale, caratterizzato da tendenze al controllo, alla manipolazione e alla violenza. Il suo comportamento patologico, unito alla sua mancanza di rimorso, lo rende un personaggio intrigante e inquietante.
Continua a leggere su MediaTurkey: Che disturbo mentale ha Oliver in Saltburn?

Lascia un commento