Acufene generata dalla musica alta: conseguenze e rimedi

Per chi ama la musica e i frequentatori di concerti tale è un male che si mostra tanto spesso, ma che ora però può essere curato per sempre. L’acufene è, per chi non lo sapesse, un problema uditivo che pare essere parecchio fastidioso per chi ne pena. Oggi cercheremo di vedere quali sono le ragioni e le sue possibili cure. 

Tale condizione si mostra come un rumore nell’orecchio o in linea diretta nella testa, che però non è originato da fattori esterni, non è una malattia ma mostra dei sintomi di base. Tale seccante condizione tormenta la media di una persona su 5, si mostra come la percezione di un rumore che giunge dall’esterno, riconducibile a diverse tipologie di rumori, come brusii, sibili, crepitii, fischi. 

Vi sono due tipi di acufeni, quello soggettivo e quello obiettivo. Ora vedremo assieme quali sono le differenze. L’acufene soggettivo è quello più sparso, ed è originato da problemi dell’orecchio medio o interno. Il cervello apprende segnali nervosi come se fossero realmente dei suoni.

L’acufene obiettivo all’opposto è estremamente raro, e viene originato da un movimento che si rifà all’interno del cranio. Tale tipo di condizione si può esibire di conseguenza ad altri tipi di patologie ed è difficile constatarne una cagione univoca. 

Acufene generata dalla musica alta: conseguenze e rimedi

Le persone ammalate da acufene cronico posso patire delle limitazioni a livello psicologico, la loro qualità di vita può calare leggermente, di conseguenza a cambiamenti come elevamento dello stress, difficoltà nel concentrarsi, complessità nel sonno.

Tali persone possono risultare spossate, irritabili, fino a giungere alla depressione o disturbo d’ansia generalizzato. L’acufene per fortuna è curabile nella più grande parte dei casi, anche se l’iniziodi una terapia non assicura la guarigione totale e definitiva, ma in modo sicuro un controllo dei sintomi. Il medico può fare delle analisi audiologiche per scoprire la provenienza e la motivo del disturbo. 

Una volta verificata la ragione il medico potrà indicare il trattamento più giusto, solitamente la prima misura cominciata è la rimozione dei tappi di cerume che si creano all’interno dell’orecchio. La scelta differente è una cura all’alterazione vascolare che è la ragione principale dell’acufene, normalmente attraverso farmaci o interventi chirurgici indirizzati. Se l’acufene è originato da un farmaco ovviamente è raccomandabile la sostituzione di quel farmaco con uno rassomigliante.

Se la ragioneè un disagio psicologico, come ansia, depressione, disturbo post-traumatico da stress, si può mettere a posto il problema con una terapia a base di antidepressivi congiunta alla psicoterapia.

Lascia un commento