Il latte nel caffè è un’abitudine che fa male al nostro corpo? Ecco la risposta

In Italia, dove il caffè espresso è in modo sicuro uno dei simboli, le varie ricette con il latte sono bene amate anche dai turisti. Non è strano osservare stranieri bere il cappuccino, quello che per noi è collegato all’orario di colazione anche a fine pranzo. Il latte per diluire l’energia del caffè di conseguenza è un’opzione che si ha da tempo immemore e che ha riscosso tanto successo.

Molti però si domandano relativamente all’aspetto nutrizionale o comunque più in generale allacciato al benessere e alla salute, se effettivamente faccia bene o no mettere il latte nel caffè. Non parliamo di conseguenza unicamente di una questione di gusto, bisogna concretamente pensare a quali sono i risvolti salutistici dell’aggiunta di una misura anche minima di latte in combinazione con il caffè e pertanto con la caffeina in esso racchiusa. 

Il latte nel caffè è un’abitudine che fa male al nostro corpo? Ecco la risposta

Una colazione sana dovrebbe difatti essere una vera e propria ricarica delle scorte energetiche, in maniera da cominciare al meglio la giornata. Come quasi sempre accade nella vita, il segreto dimora nella stabilità, però è in modo sicuro, vero che in presenza di peculiari tematiche il caffellatte deve essere eluso.

Per di più il latte è una bevanda parecchio legata anche a falsi miti, come ad esempio quello relativo al fatto che sarebbe capace di rendere più forti le ossa, riducendo il rischio di fratture. Insieme al latte il caffè sarebbe meno irritante per coloro che penano purtroppo di colon irritabile e per cui il caffè possiede un’azione ulteriormente infiammante.

Spesso il caffè da solo può provocare un effetto lassativo quasi immediato o causare a lungo andare, con l’assunzione costante e quotidiana, un bruciore di stomaco. Il latte sosterrebbe il ridurre di tali effetti, ma non è in ogni caso confermato dalla scienza.

Si sa comunque che il caffè racchiude un numero abbastanza elevato di polifenoli, che sono degli antiossidanti utili nell’opposizione al processo di decadimento cellulare e di conseguenza all’attacco dei radicali liberi alle cellule. Per quanto concerne i possibili effetti collaterali, si rammenta che la consumazione di dosi sproporzionate di caffè può essere negativa in caso di ansia, disturbi emorragici, alcuni problemi cardiovascolari, diabete e diarrea.

Dunque, la mescolanza di tali due ingredienti è pertanto abbastanza salutare e non ci sono caratteristiche controindicazioni che ne sconsigliano il consumo, tranne che per qualche piccolo effetto collaterale summenzionato.

Lascia un commento