Hai sempre voglia di dolce? Attenzione, ecco cosa potrebbe essere

Capita di avvertire quel languorino che ci spinge verso il fast food o verso un dolce al cioccolato fondente. Anche se soddisfare occasionalmente queste voglie può sembrare appagante, potrebbe non essere la scelta migliore per il nostro benessere a lungo termine. Questi desideri possono indicare una mancanza specifica di nutrienti essenziali nel nostro corpo.

Le voglie rappresentano un messaggio del nostro corpo e possono indicare una carenza di minerali, vitamine e enzimi, nutrienti che sono abbondanti negli alimenti sani e nutrienti. Optare per una dieta equilibrata e ricca di questi nutrienti è essenziale per mantenere uno stato ottimale di salute.

Hai sempre voglia di dolce? Attenzione, ecco cosa potrebbe essere

Se il tuo desiderio più frequente è di prodotti zuccherati come biscotti, torte, pasticcini e gelati, potresti avere carenze di cromo, fosforo, zolfo e triptofano.

Questo squilibrio ormonale indebolisce l’organismo e crea una sorta di crisi di astinenza verso gli alimenti ricchi di glucosio. Il glucosio stimola i circuiti neurali legati alla produzione di dopamina, coinvolta nella sensazione di piacere e ricompensa, ma questo piacere è effimero: presto il corpo richiede ancora zucchero, in un loop senza fine.

Se la tua “voglia” è rivolta ai dolci, considera l’assunzione di integratori di cromo per normalizzare i livelli di glucosio nel sangue. Riconoscere la tua voglia può rivelare le tue carenze.

La voglia di cioccolato spesso indica una carenza di magnesio e vitamina B. Integrare il magnesio al risveglio (circa un cucchiaino al giorno) può portare benefici notevoli, come miglioramenti nella qualità del sonno, rilassamento del sistema nervoso, alleviamento dei disagi legati al ciclo mestruale, problemi muscolari e ossei e una riduzione dello stress. Alimenti come mandorle, semi di girasole, cereali integrali e verdure sono ricchi di magnesio.

Per coloro che amano cibi salati come patatine fritte e salse, potrebbe esserci una carenza di minerali, in particolare iodio e zinco, e di idratazione. Il consumo eccessivo di sale presente nei cibi fritti e nel junk food può danneggiare in modo irreversibile il sistema cardiaco e nervoso. Integrare sali minerali attraverso verdure cotte, al vapore, semi, cereali integrali, frutta e alghe può essere cruciale.

La tentazione di consumare carboidrati raffinati come pane, crackers e fette biscottate potrebbe indicare una carenza di azoto, ferro e fibre. Le farine utilizzate in questi prodotti spesso sono private dei loro nutrienti essenziali, generando squilibri nell’organismo e contribuendo alle carenze già menzionate.

Se si avverte il desiderio di cibi fritti, potrebbe esserci una carenza di grassi sani e calcio. Introdurre regolarmente avocado, olio di cocco e olio extravergine di oliva nella dieta può essere d’aiuto.

Lascia un commento