Chi è intollerante al glutine può mangiare il farro? Svelata la verità 

Il farro è un cereale molto antico che appartiene alla famiglia del frumento, molto utilizzato nelle diete mediterranee. Anche se è stato gradualmente sostituito da varietà più moderne di frumento, negli ultimi anni è stato riscoperto e utilizzato sempre di più nell’alimentazione contemporanea proprio grazie alle sue numerose proprietà nutrizionali. Anche la farina di farro viene utilizzata molto spesso, è molto apprezzata per la sua eccellente composizione. Ma molti si chiedono se gli intolleranti al glutine, possono mangiarlo o se faccia male.

Il farro si presenta oggi in tre principali varietà: monococco, dicocco e spelta. La differenza principale tra di loro sta nella dimensione del chicco e nell’antichità delle loro origini.

Il farro monococco, il più antico, ha chicchi più piccoli, con una singola unità per spighetta. È notevolmente ricco di proprietà nutritive, spiegando il suo recente ritorno di popolarità. Il farro dicocco, più recente del monococco, è diffuso nell’area mediterranea. “Dicocco” indica due chicchi per spighetta ed è comunemente trovato nei supermercati e negozi di alimentari, disponibile sia con il rivestimento esterno integrale sia come farro perlato (decorticato).

Il farro spelta, la varietà più recente, assomiglia di più al grano tenero rispetto al dicocco, simile al grano duro. Sebbene sia la varietà meno pregiata dei tre, ha proprietà nutritive inferiori. Per capire se effettivamente il farro contiene glutine o meno, bisogna valutare le sue caratteristiche nutrizionali.

Chi è intollerante al glutine può mangiare il farro? Svelata la verità

Innanzitutto bisogna sapere che ha un basso contenuto di grassi e una significativa presenza di proteine vegetali. È inoltre, a ridotto contenuto di amido, ma è ricco di sali minerali, fibre e vitamina B. Come sali minerali invece, troviamo il ferro, il magnesio, il potassio, il calcio e il fosforo. Contiene anche un amminoacido, la metionina, che aiuta la la sintesi di sostanze vitali per aiutare la corretta funzione del sistema digerente. Aiuta anche la salute dei capelli e delle unghie.

Il farro però, purtroppo, contiene glutine, quindi è sconsigliato per chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine, dato che queste persone devono evitare questa proteine, che è appunto presente anche nel farro o in altre varietà di frumento.

C’è però da dire che le quantità di glutine presente in esso è molto basso, quindi per chi ha una sensibilità molto bassa al glutine, può mangiarlo tranquillamente. Non è però sicuro per chi ha problemi di celiachia o intolleranza al glutine. Questo perché la presenza di questa proteina, anche se in piccole quantità, può causare reazioni avverse a coloro che sono sensibili a questa proteina.

Lascia un commento