“Merica, Merica”: il tango drammatico della “spartenza” “Merica, Merica”: il tango drammatico della “spartenza”

Attualità

“Merica, Merica”: il tango drammatico della “spartenza”

Povertà, analfabetismo arretratezza; l’unità d‘Italia tradita, quel “Mare del colore del vino” che è la Sicilia dell’emigrazione narrata da Sciascia; il viaggio che è attesa, poesia, ma anche dramma

Teresa Triscari - 13/07/2016

Povertà, analfabetismo arretratezza; l’unità d‘Italia tradita, quel “Mare del colore del vino” che è la Sicilia dell’emigrazione narrata da Sciascia; il viaggio che è attesa, poesia, ma anche dramma.

Come in Omero, come sempre.

E, al centro, la Sicilia, questa Terra di sogno e di dolore, di canto e disincanto, come ci viene descritta in “Merica, Merica”, il libro di Salvatore Ferlita e MaurizioPiscopo presentato di recente al Cinema Di Francesca nell’ambito degli “Incontri d’estate” guidati con sapere e passione da Giovanni Cristina. Un libro che è un viaggio nella letteratura, nel cinema, nel costume, nella musica; una silloge di documenti ben curati e accompagnati da un corredo fotografico e di ascolto.

Il libro, con il suo taglio antropologico che affonda le origini in esperienze familiari, è un disilluso “cunto”, è il dramma della “spartenza”, parola del nostro dialetto arcaico, non traducibile in italiano ma che, comunque e sempre, come dice il Mortillaro, è il “partire, il dividersi l’un altro con pena”.

“Spartenza”, lacerante strappo, sradicamento.

“Spartenza”, segnata dalla roca sirena della nave. La Merica dall’altra parte.

Le manifestazioni composite hanno sempre una valenza in più e quella d’inizio luglio, al Di Francesca, “Merica, Merica”, l’ha certamente avuta perché, oltre ad avere chiuso un trittico iniziato l’anno scorso con la presentazione del libro di DeAglio,“Storiavera e terribile tra Sicilia e America”, e con lo spettacolo “Storie di tanti, Storie dimigranti”, ha aperto un dibattito interessantissimo sul dramma della “spartenza”, vera filologia linguistica che ha avvinto tutti.

Sul tema della “spartenza”, appunto, Caterina Di Francesca l’anno scorso, in “Storie di tanti”aveva declinato tutti i suoi linguaggi, non solo d’interpretazione e di mimica, ma anche di ricerca d’archivio come quella che ha portato alla splendida stesura del testo “Donna Angelini”, e non solo.

Quella “spartenza” che, in quell’occasione, era stata commentata dalla musica struggente e robusta, carica di amara nostalgia, vibrante e scandita, secca a tratti, che si sprigionava dai tasti guidati con maestria e passione – vero esempio di agilità di linguaggio musicale!- da Liana D’Angelo; note che sono tornate l’altra sera con “Merica, Merica”. Una sinfonia di linguaggi, un’articolazione di dati. Quel dramma della “spartenza” che suona tanto forte anche in quella poeticissima declinazione linguistica di Borgese a proposito di quel “mare d’Imera tagliato a spicchio dietro l’ultima quinta” dove si legge tutta l’amarezza di chi è costretto a lasciare la sua Polizzi, arroccata lì, sulle sue acropoli, con tutte quelle bellezze di architetture irripetibili. Lui, Borgese, che rifiutò di firmare l’atto di fedeltà al fascismo.

Quella “spartenza” di cui ha saputo ben parlare Giuseppe Saja nella sua fine e composita analisi di critica letteraria che ha ricordato anche l’emigrazione in Germania.

Note di andata e di ritorno, un trittico che ha preso forma trasformandosi in un unicum; un itinerario storico- musicale guidato con sapere da Salvatore Ferlita e interpretato con passione da Maurizio Piscopo che, con quella carrellata di canzoni e ricordi, in simbiosi con la sua fisarmonica danneggiata da uno sfortunato viaggio in aereo, ha voluto restituire la Sicilia alla Sicilia.

Un dialetto, quello siciliano, cui Piscopo ha fatto ricorso per esprimere la forza dei suoi sentimenti, un dialetto che ha tutta la pregnanza del greco, del persiano e delle lingue indoeuropee. Un dialetto che è quello dei luoghi, dei barbieri innanzitutto, dove lui ha raccolto materia ed emozioni, odori e colori, che è quello delle aule delle scuole elementari di una cinquantina d’anni fa, dove lui è stato insegnante emerito, con i banchi scalfiti e i calamai con l’inchiostro nero e i pennini che sembravano punteruoli.

Il siciliano, una lingua nella lingua.

Simpatia e poesia, quella che ha trasmesso Piscopo ma, soprattutto, drammatica verità. Come quella di Margherita, la bambina che muore durante una traversata e cui la madre è costretta a dar sepoltura in mare.

“Questa di Margherita è la storia vera” direbbe De Andrè.

Questa di Margherita è un pezzo di storia che tristemente si ripete ai nostri giorni.

“E la storia continua” direbbe Elsa Morante.

Tanti gli episodi, anche divertenti, accattivanti e pregnanti di nostalgia, che ci ha raccontato Piscopo. Abbiamo riso e applaudito, soprattutto partecipato. Ma non ci è sfuggita la sfumatura della sua voce quando ha ricordato che il suo primo Amore è partito, e non ha fatto più ritorno, per l’America, per gli States, come si direbbe oggi. Ma allora era solo la “Merica”, mito e paura. La Merica che oggi, per quelli che arrivano sui barconi, è casa nostra.

La Merica, mito e paura, immagine emblematica dell’attesa spasmodica, della fiducia stimolata dalla fama non usurpata dell’America come di una promessa vera, come quella di Charlie Chaplin nel film “Charlot emigrante”(1917) in cui il grande artista, nei panni di un emigrante con bombetta, in mezzo ad altri migranti, guarda la famosa Statua della Libertà con gli occhi del desiderio e del sogno che diventa seducente visione di libertà e scommessa sul domani.

Quella scommessa che, un secolo dopo, il nostro Giuseppe Tornatore propone nella stessa scena, con gli occhi di una moltitudine di italiani che si affollano sul ponte della nave su cui si sono imbarcati, nel film “La leggenda del pianista sull’oceano” (1998), per specchiarsi nella famosa Statua.

L’America è sempre la stessa. E l’emigrazione -!...- è sempre uguale, in America, in Germania, nell’Italia settentrionale dove, a Torino, negli anni ’60, si leggeva la scritta “Non si affittano case a meridionali” che suonava come quell’altra, degli anni ’30, “Vietato l’ingresso a ebrei e cani”.

“Lamerica” di Gianni Amelio, o “L’America” di Kafka, o quella di Tornatore, è sempre il dramma dell’emigrazione, della speranza e della “spartenza”, con le sue valigie legate con il filo della luce e le note drammatiche e forti di Liana D’Angelo. E’ la voce appassionata e struggente di Piscopo, è la chitarra melodica di Franco Restivo, è la voce di Chinyery, la nigeriana di Fermo, che piange Emmanuel nella sua canzone della veglia funebre che non potrò dimenticare, che non dobbiamo dimenticare, “Dov’eri Dio?”

Dov’eri Dio?




LEGGI ANCHE


CEFALU'

17/08/Iurato, Caccamo, Zanicchi, i Nomadi nel cartellone estivo
17/08/Venerdì concerto di Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
17/08/Giunge alla 7° edizione la manifestazione Passeggiata sul Mare
17/08/Da Caltavuturo arrivano i Gruppi Folk internazionali
17/08/Il Real Teatro di S. Cecilia e il Carnevale di Palermo

Il Real Teatro di S. Cecilia e il Carnevale di Palermo

17/08/Iurato, Caccamo, Zanicchi e i Nomadi nel calendario estivo
10/08/Al via il progetto “ScopriAmo Gratteri”, c
10/08/il Castello di Roccella ospita il Wanderlust Jazz Duo
09/08/Il reliquiario con le Lacrime in visita a Gratteri
08/08/E' scomparso il maestro Angelo Cangelosi
07/08/Al Via questa sera la XVIII Mostra Mercato
07/08/Anche i Giochi di Fuoco il 13 agosto
05/08/Museo Mandralisca: ad agosto nuovo orario
02/08/Primo posto per la poetessa Margherita Neri Novi
01/08/Torna a riunirsi il Consiglio comunale

Finalmente un nome alle vie in importanti contrade

30/07/Oggi la manifestazione Spiagge e fondali puliti
27/07/Due eventi da non perdere nel prossimo week - end
27/07/Presentazione del libro Il miraggio della terra nella Sicilia post-risorgimentale
26/07/Il prof. Salvatore Piazza ricorda il Maestro Nino Ippolito
26/07/Lettara aperta ai cittadini di Pedalino e Ficano
26/07/Incendio in contrada stretto: nota dell'Assessore Taravella
25/07/Lo Street Food Festival cerca proprio te!
24/07/ Happening en plein air di ventuno pittori , successo di pubblico
24/07/Questa sera il The Bass Quartet in Concerto con Musiche da Film
23/07/Un mondo di Felicità per Davide e Alida