Tra i venti e i trenta: la giovinezza ai nostri giorni Tra i venti e i trenta: la giovinezza ai nostri giorni

Psicologia

Tra i venti e i trenta: la giovinezza ai nostri giorni

Giuliana Cardinale - 10/07/2016

Come erano i nostri vent’anni? Per chi li ha già vissuti, rievocarli, porta memorie e sensazioni di energia, vitalità, voglia di affacciarsi al mondo con grinta e progettualità andando verso un futuro che pur se ignoto, poggiava su un presente radicato, in cui era possibile rintracciare dei riferimenti sociali e affettivo-relazionali.

E oggi che succede tra i venti e trenta? Poiché più spesso ci si occupa/preoccupa della pre-adolescenza, l’attenzione ai vissuti tardo adolescenziali è forse sfumata nella tendenza ad assimilarne tipicità che, seppur contigue sono diverse; la ricerca dell’autonomia, il bisogno di orientare la propria vita, sono rese estremamente complesse dalla precarietà esistenziale, dall’inconsistenza del futuro e non solo professionale, da relazioni sempre più incerte che ritardano l’approdo alla stabilità sentimentale. Tra i giovani adulti, non sempre emerge il conflitto, la provocazione o il rifiuto dei modelli genitoriali, più spesso si ravvisa capacità di comprensione verso i “grandi” e voglia/bisogno di avere con loro complicità e vicinanza emotiva.

Il tema odierno muove dalla constatazione professionale, che sempre più giovani intraprendono il percorso psicoterapeutico; se ciò implica un aspetto positivo, ossia la consapevolezza del malessere e la motivazione a ritrovare il proprio equilibrio psico-fisico, è però un dato preoccupante sulla maggiore incidenza di disagi, in un’età immaginata come piena di sogni e di entusiasmo.

I temi che emergono e le esperienze vissute, sono fatti di ansie, depressioni, ossessioni-compulsioni, dissociazioni, “analfabetismo emotivo” (non riuscire a riconoscere, né sapere dare nome alle proprie emozioni), incapacità di “sentire” un corporeo che, pur potendo esprimere al massimo il proprio vigore, è “desensibilizzato” «… (costretto a diventare tale per l’ansia con cui sono cresciuti), incapaci … di ritrovarsi, di capire cosa vogliono e chi sono» (M. Spagnuolo Lobb, Quaderni di Gestalt, vol. XXVI – 2013/1).

Per formazione teorica e prassi terapeutica, mi è impensabile non fare riferimento alla relazione e al ruolo delle figure genitoriali: «Se i genitori veicolano un’ottica centrata sul “riparare ciò che non funziona”, le relazioni sono impostate sullo stress e di conseguenza confermano le paure -anziché il coraggio- negli individui coinvolti. … solo la fiducia nella capacità intrinseca dell’essere umano di fare la cosa migliore possibile in un dato momento … può orientarci verso lo stare nella relazione non dipendendo da schemi di lettura esterni ad essa, … in modo da trovare ogni volta una soluzione nuova, partendo dall’esperienza della situazione e quindi da come sia il genitore che il figlio (la) [nda] co-creano» (M. Spagnuolo Lobb).

I giovani hanno bisogno di accoglimento, riconoscimento, fiducia nei loro confronti e soffrono se prevale la razionalità del “fare” per loro, anziché il riferimento emotivo dell’“esser-ci” insieme a loro.


LEGGI ANCHE


CULTURA DEL «BEN-ESSERE»

22/04/2016Ben-essere: Dall’infanzia alla primaria: cambiamenti in corso!
05/04/2016La cultura del «ben-essere»: il Burn out … a scuola
18/03/2016Cultura del ben-essere: «il tatuaggio: ricerca dentro di sè»
04/03/2016Il perfezionista
19/02/2016Le triangolazioni in famiglia
05/02/2016I “non detti”
24/01/2016Il cinema oggi: ridere e non pensare
13/01/2016Esiste ancora, il senso del pudore?
12/12/2015Falsi ricordi
28/11/2015Un trauma … è per sempre?
11/11/2015Figli: risorsa inesauribile da cui apprendere
30/10/2015Le ingiunzioni
13/10/2015Nonni ricchezza per i nipoti
25/09/2015Educare: non si finisce mai di imparare …
10/09/2015La teoria del genere: esiste o non esiste?
24/07/2015Psicopatologia e potere politico
16/07/2015Quando finisce una storia …
10/07/2015Il paziente con Hiv: aspetti psicologici
03/07/2015Emigrare e accogliere: le due facce della medaglia
27/06/2015Giocare: un valore … ad ogni età!
19/06/2015«Gli esami non finiscono mai»
12/06/2015La sindrome del nido vuoto
05/06/2015Il senso di colpa
29/05/2015La spontaneità
22/05/2015Contraddizioni … o polarità?
15/05/2015«Io ti salverò»: la sindrome di Wendy
08/05/2015Rivelazioni in famiglia
01/05/2015Mobbing: che fare?
24/04/2015Mobbing: vessazioni sul posto di lavoro
17/04/2015La bugia patologica
10/04/2015L'eredità di Lubitz
26/03/2015 «Childfree»: una scelta tabù?
20/03/201550 anni: delicato “passaggio” … non solo al femminile
13/03/2015La speranza
06/03/2015La noia
27/02/2015La relazione che cura
20/02/2015La malattia … non solo limite
14/02/2015La profezia che si autoavvera
07/02/2015Pensiero magico
30/01/2015L'intimità
23/01/2015I pregiudizi
16/01/2015La psicologia del terrore
09/01/2015Essere un fan o vivere da fan?
19/12/2014 «Sopravvivere» … al Natale
12/12/2014Disturbi del sonno ed emotività
06/12/2014Il coraggio di «vivere senza paura»
29/11/2014Paura di tutto… paura di nulla (1° parte)
21/11/2014«… nel sogno l’esistenza si sveglia»
16/11/2014I sogni: enigma o realtà?
08/11/2014Relazione amicale e social netwok
31/10/2014L’influenza dei mass media sulla psiche: pro e contro
24/10/2014Dal cibo nelle relazioni, … alle relazioni con il cibo
17/10/2014Cibo e psiche
10/10/2014Grazie mamma, grazie papà
03/10/2014Corteggiare o abbordare?
26/09/2014La comunicazione … al di là delle parole
18/09/2014Cara «arte di comunicare» … dove sei finita?
12/09/201411 Settembre 2001
05/09/2014… E buon rientro!
31/07/2014Buona estate!
24/07/2014Depressione: quando è un problema?
18/07/2014Vacanza e… Psicologia
10/07/2014Parliamo di... omosessualità
03/07/2014♫ Basta un poco di zucchero ♫ ... ma la pillola, va giù?
26/06/2014La passione …
21/06/2014Violenza assistita
14/06/2014Il fenomeno dello stalking
05/06/2014Mi «arrabbio» … dunque «sono»
29/05/2014Il «confine» … tra me e te
23/05/2014Il Femminicidio
15/05/2014Luci e ombre
08/05/2014«… Tu fior della mia pianta …»
02/05/2014Dal «cuore» … alla pelle
24/04/2014Genitori in «difficoltà»
17/04/2014L’anoressia nervosa
10/04/2014Il corpo «parla». Non ascoltato … «urla»
03/04/2014Disturbo psicosomatico: malattia immaginaria?
27/03/2014Ossessione «sesso»
19/03/2014Shopping compulsivo
12/03/2014Identità «di genere», non … cultura «degenere»
05/03/2014«Marziani» ♂ e «Venusiane» ♀
27/02/2014Internet «dipendenza»
20/02/2014«Perchè ho scelto te?»
12/02/2014Mamme e papà: il valore delle differenze
05/02/2014A proposito di «stili educativi»
29/01/2014L'in-sano amore
22/01/2014Amore sano
15/01/2014Non più «piccoli», non ancora «grandi»
08/01/2014In caso di … adolescenza
18/12/2013La «parola»: strumento terapeutico
11/12/2013Attacchi di panico: il caos prende forma
04/12/2013«Incontrare» l’altro … per «incontrare» se stessi
27/11/2013Insieme …, ma forse «soli»
20/11/2013«Essere o non essere» …psicologo
13/11/2013…dallo psicologo? Nooo!
06/11/2013Considerando che … alcune riflessioni