Salute & Benessere

Il salmone affumicato è cotto? La verità è sconvolgente

Il salmone affumicato piace a molti per il suo gusto particolare. Lo si può usare sulle tartine per gli antipasti. Ma il salmone affumicato è cotto? La verità è sconvolgente e ve la faremo conoscere.

Il salmone affumicato

Il salmone è un pesce salutare, ricco di proprietà benefiche, fonte di proteine e di importanti sali minerali come il magnesio e il selenio e di vitamine del gruppo B e D. Una sua variante molto apprezzata è quella del salmone affumicato, ricco di acido docosaesaeonico e acido eicosapentaenoico. Mangiare salmone affumicato aiuta il sistema nervoso, tonifica i muscoli, migliora il lavoro dei reni, migliora la memoria e la capacità di concentrazione, regola la pressione sanguigna, diminuisce gli stati infiammatori dell’organismo.

Mangiare salmone affumicato non è però consigliato a chi soffre di pressione alta. Il processo di affumicatura conferisce infatti al pesce un alto contenuto di sodio che supera il valore giornaliero consigliato nella dieta. La domanda però che ci poniamo in questo articolo è se il salmone affumicato è cotto. La verità è sconvolgente.

Il salmone affumicato è cotto?

Il salmone affumicato è cotto? La risposta è no e la motiveremo spiegandovi come avviene il processo di affumicatura del salmone. Prevalentemente per questo ci sono due opzioni possibili ovvero l’affumicatura a freddo o a caldo. Con l’affumicatura a freddo il salmone viene messo in un contenere di legno, ricoperto di sale e affumicato per dodici ore a una temperatura di 20°.

Con l’affumicatura a caldo i filetti di salmone, dopo essere stati messi sotto sale, vengono affumicati per 20 minuti a 120° e poi per tre ore ad 80°. L’affumicatura a caldo è meno utilizzata perché incide sul colore e sul gusto delle carni del salmone, non gradite al consumatore medio rispetto al salmone ottenuto con l’affumicatura a freddo. Il salmone affumicato risulta quindi un alimento crudo e ciò lo rende potenzialmente rischioso per la salute.

I rischi del salmone affumicato

Abbiamo capito che il salmone affumicato è crudo e ciò comporta rischi per la salute del consumatore poiché rende il pesce favorevole al contenere batteri pericolosi come la listeria. La listeria, che causa la listeriosi, non sopravvive con il calore per cui è necessario cuocere il salmone ad una temperatura di almeno 70°. Il salmone affumicato può essere consumato liberamente ma deve essere necessariamente cotto se non si vogliono avere problemi.

Oggi siamo abituati all’acquisto di prodotti preconfezionati senza porci troppe domande, pensando solo alla rapidità e praticità di utilizzo di ciò che avremo come pasto. Purtroppo se non si prendono in considerazioni variabili come l’eventuale precottura di un alimento si possono correre gravi rischi. Il salmone affumicato è spesso venduto già affettato in confezioni trasparenti e da l’impressione di essere cotto e pronto da mangiare ma abbiamo capito che non è così. Per cui è bene che, quando acquistiamo questo alimento, non gli facciamo mancare la cottura adeguata.

 

L’articolo Il salmone affumicato è cotto? La verità è sconvolgente proviene da Calcionewsweb.it.