Editoria. Il libro, edito da Feltrinelli, scritto dalla figlia, la principessa Raimonda Lanza di Trabia e dalla nipote Ottavia Casagrande, racconta la vera storia di Raimondo Lanza Branciforte Principe di Trabia.

Un Libro sul Principe Raimondo Lanza

mercoledì 23 aprile 2014
Giuseppe Longo

Prossimamente in libreria la vera storia del principe Raimondo Lanza di Trabia Navigando sul web mi sono imbattuto nel sito della Casa Editrice Feltrinelli, e oggi voglio suggerire ai nostri lettori un libro interessante: “Mi toccherà ballare. L'ultimo principe di Trabia”, che sarà disponibile in tutte le librerie, dal prossimo 7 maggio 2014.
Il libro, edito per l’appunto da Feltrinelli, scritto dalla figlia, la principessa Raimonda Lanza di Trabia e dalla nipote Ottavia Casagrande, racconta la vera storia di Raimondo Lanza Branciforte Principe di Trabia. In realtà la bravissima regista teatrale Ottavia Casagrande, insieme alla madre, la dinamica principessa Raimonda, hanno voluto ricordare il principe Raimondo (1915-1954), a sessant’anni dalla sua tragica scomparsa.
La vita di Raimondo Lanza fu contrassegnata da un crescendo di eventi importanti. Egli apparteneva a una delle più antiche, nobili e facoltose famiglie di Sicilia. Giovanissimo si arruolò nel Corpo di spedizione italiano prendendo parte alla Guerra di Spagna.
Valoroso e talvolta temerario Ufficiale Carrista del Regio Esercito, nel corso della sua carriera militare, fece parte dei Servizi di Intelligence italiano e americano: il Servizio Informazioni Militare (SIM) e l’Office of Strategic Services (OSS). Per la sua eroica condotta, fu più volte decorato al valor militare combattendo anche da patriota nella Guerra di liberazione italiana contro i tedeschi. Nel dopoguerra si trasferì a Trabia (PA) risiedendo nel Castello, non tralasciando però i suoi impegni mondani e da “Diplomatico” che lo portarono a viaggiare per il mondo.
Di spirito volitivo, brillante, e dotato di grande attrattiva, Raimondo Lanza ebbe modo di frequentare i salotti d'elite, e stringere amicizie con i più influenti personaggi dell’epoca.
Fu un uomo “…fascinoso e scapestrato, vorace ed eccessivo…”. Ereditò dallo zio Vincenzo Florio (1883-1959) la passione dell’automobilismo. Fu proprio il principe Raimondo Lanza a rilanciare nel 1948 la più antica corsa automobilistica, la “Targa Florio" e costituire poco dopo il “Comitato Sportivo Motoristico Siciliano” diventandone Presidente. Un’altra passione sportiva che condivise con il barone Stefano La Motta, fu il football. Nel 1951 esordì nel Campionato Italiano di Calcio, come Presidente del Palermo, a lui si deve l'invenzione del Calciomercato, al Gallia di Milano.
Cittadino del mondo, molto corteggiato dalle ragazze e dalle signore, a un certo punto della sua effervescente vita, si fidanzò con Susanna Agnelli, e infine si arrese al fascino dell’attrice Olga Villi che sposò nel gennaio del 1954.
Il 30 novembre dello stesso anno Raimondo Lanza morì tragicamente compianto dai suoi amici. Nel libro “Mi toccherà ballare” le autrici raccontano che già da qualche anno “…da una vecchia valigia sono emersi appunti, documenti, lettere, fotografie, tutto materiale inedito che ha colmato i vuoti, chiarito i nessi, precisato i rapporti, illuminando di una luce nuova testimonianze e racconti di chi Raimondo lo ha conosciuto…”. Non ci resta quindi che attendere l’uscita del libro, fissato per il giorno 7 maggio 2014. Ulteriori altre comunicazioni si potranno trovare nel link della casa editrice Feltrinelli: http://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/mi-tocchera-ballare/



E' possibile commentare l'articolo, nell'apposito spazio sotto, solo se si possiede un account regolarmente registrato su un social network. Per questo cefalunews non è responsabile per ciò che si scrive nei commenti. La responsabilità di ciò che riporta ogni commento è del suo autore: identificato con precise generalità che vengono registrate negli archivi del social network nel momento in cui si iscrive e ottiene un proprio account

.