Letteratura.

E' scomparso il Nobel Gabriel Garcia Marquez

venerdì 18 aprile 2014

Nato ad Aracataca, Magdalena, nel 1928, ha mescolato nella sua opera la dimensione reale e quella fantastica, dando impulso allo stile della narrativa latino-americana definito "realismo magico", di cui Cien anos de soledad (1967) rappresenta un manifesto. Nel 1982 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura. Pubblico' 'La hojarasca' nel 1955, analisi di un suicidio attraverso il monologo di tre testimoni che portano alla luce vicende e passioni di tutto un paese nel corso di un secolo. Seguirono 'Nessuno scrive al colonnello' (1961), 'I funerali della Mama' Grande' (1962) e 'La mala ora' (1962), romanzo con intenzioni politiche. La sua opera di maggior successo, 'Cent'anni di solitudine' e' del 1967, nella quale, sullo sfondo di un paese leggendario, Macondo, si intrecciano avvenimenti e fantasticherie, eroismi, crudelta' e solitudine. Ma cio' che piu' conta nel romanzo e' la particolare struttura narrativa in cui la metafora e il mito acquistano valore nel quadro di una nuova visione della realta'. Dopo 'Racconto di un naufrago' (1970), il volume di racconti La incredibile e triste storia de la candida Erendira e della sua nonna snaturata' (1972) e una raccolta di articoli torna al romanzo con 'L'autunno del patriarca' (1975), in cui rievoca, con il suo personale lirismo mitico e con accentuato surrealismo, la figura tragico-grottesca di un dittatore sudamericano. La sua produzione, quasi interamente tradotta in italiano, comprende i romanzi 'Cronaca di una morte annunciata' (1982), 'L'amore ai tempi del colera' (1985) e 'Il generale nel suo labirinto' (1989), riflessione sul potere attraverso la narrazione degli ultimi giorni di vita di Simon Bolivar. Del 1992 e', invece, la raccolta di racconti 'Dodici racconti raminghi', a meta' tra realta' e fantasia; 'Dell'amore e altri demoni' (1994) indaga, attraverso la storia di una ragazza internata in un convento in quanto ritenuta indemoniata, sull'ineluttabilita' e sull'inspiegabilita' del sentimento amoroso.
Ha poi scritto Vivere per raccontarla (2002) e Memoria delle mie puttane tristi (2004), un romanzo che racconta la storia di un vecchio giornalista che, a novant'anni, trascorre una notte con una ragazzina illibata, rimanendone piacevolmente sconvolto al punto da incominciare, quasi, un nuovo percorso di vita. La sua attivita' pubblicistica e' stata parzialmente pubblicata in 'A ruota libera 1974-1995' (2003). Nel 2012 e' stata edita in Italia la raccolta Tutti i racconti, che ricostruisce il percorso letterario dello scrittore a partire dalle prime sperimentazioni giovanili.



E' possibile commentare l'articolo, nell'apposito spazio sotto, solo se si possiede un account regolarmente registrato su un social network. Per questo cefalunews non è responsabile per ciò che si scrive nei commenti. La responsabilità di ciò che riporta ogni commento è del suo autore: identificato con precise generalità che vengono registrate negli archivi del social network nel momento in cui si iscrive e ottiene un proprio account

.