Palermo.

Milicia violenta: bambini come vedette per furti e rapine

Si chiude il cerchio su “Milicia Violenta”, l'operazione condotta dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria le cui indagini hanno consentito di far luce su una serie di furti e rapine messe a segno, tra gennaio e aprile del 2012, da un gruppo di giovani in alcuni comuni del palermitano quali Altavilla Milicia, Trabia e Palermo. Tutti i furti sono stati caratterizzati da un'inaudita violenza ed efferatezza durante gli assalti da parte dei malviventi che, da prassi consolidata, erano soliti scagliarsi contro vittime appartenenti alla c.d. “fascia debole”, principalmente anziani soli e indifesi. Nel dettaglio i militari dell'Arma hanno eseguito 6 misure cautelari, nei confronti di altrettanti soggetti, e denunciato 8 persone, tra i quali 5 minorenni. Gli indagati dovranno rispondere dei reti di rapina, furto, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione. L’attività svolta dalle Forze dell'Ordine ha consentito di ricostruire il ruolo cruciale svolto da Umberto Guagliardo, poi tratto in arresto nel maggio 2013 nell’ambito dell’operazione antimafia “Argo” ed attualmente detenuto. Guagliardo, nello stesso periodo in cui sarebbe stato uno degli uomini di fiducia del reggente della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia, si adoperava anche per creare, con il supporto di Vincenzo Urso, una vera e propria cerchia di picciotti, rappresentata da giovani senza scrupoli provenienti dall’hinterland palermitano, disponibili a rapine e furti per facili guadagni, anche con l’uso di armi. La banda era solita utilizzare come vedette, durante le rapine, anche alcuni bambini. I provvedimenti cautelari riguardano: Umberto Guagliardo, già detenuto; Vincenzo Urso, Salvatore Binario e Giuseppe Rio (quest’ultimo già arrestato nel novembre 2013 per altra tentata rapina ed attualmente agli arresti domiciliari); Gianluca Genualdi, nei cui confronti sono stati disposti gli arresti domiciliari; Salvatore Guagliardo, al quale è stato imposto l’obbligo di presentarsi tutti i giorni alla Stazione Carabinieri di Altavilla Milicia.



E' possibile commentare l'articolo, nell'apposito spazio sotto, solo se si possiede un account regolarmente registrato su un social network. Per questo cefalunews non è responsabile per ciò che si scrive nei commenti. La responsabilità di ciò che riporta ogni commento è del suo autore: identificato con precise generalità che vengono registrate negli archivi del social network nel momento in cui si iscrive e ottiene un proprio account

.