Petralia Soprana. Petralia Soprana con il suo splendido centro storico e la storia artistica religiosa che annovera personaggi come Frate Umile ben si presta a diventare attrazione nelle alte Madonie.

Il turismo religioso per lo sviluppo del paese

Piazza Duomo

venerdì 11 aprile 2014
Redazione

Decalogos Tour di ITImed arriva a Petralia Soprana. Tra i dieci itinerari di riscoperta sensoriale su natura, fede e cibo per uno sviluppo turistico relazionale, scelti dall’Associazione “Itinerari del Mediterraneo” c’è anche quello che attraversa il territorio madonita e di Petralia Soprana. Il tracciato medievale, importante per la storia della Sicilia, percorre infatti le Madonie e l’area dei Nebrodi, attraversando significativi insediamenti dell'entroterra, come, per esempio, Polizzi Generosa, le Petralie sino a Troina. Una occasione per scoprire quindi la storia ma anche le potenzialità turistiche, ricettive ed economiche delle aree rurali dell’entroterra siciliano. Previsto, infatti, un incontro dal tema “Le vie della Montagna: sentieri contadini e santuari del benessere” che si terrà a Palazzo Pottino alle ore 17,30. Si parlerà di trazzere e di identità immateriali insieme all’arch. Federico Pensovecchio responsabile Territorio di Itimed, verrà presentata la nuova associazione Alte Terre di Mezzo operante nel territorio fra Pettineo, Tusa e San Mauro Castelverde da Giovanna Gebbia che è anche responsabile comunicazione di Itimed, si presenterà il libro edito dalla Casa d'arte KALOS "Un viaggio nella storia: la via Palermo Messina per le montagne” scritto da Ferdinando Maurici e Rosa Maria Cucco, con un testo di Mario Pintagro, sui diversi percorsi stradali che collegavano Palermo a Messina "per le montagne" sia in età medievale che borbonica. Sarà presente l’editore Sieli, il Sindaco di Petralia Soprana Pietro Macaluso e l’imprenditrice Arianna Attinasi dell’omonima casa editrice di Geraci Siculo. Parteciperanno associazioni locali, realtà imprenditoriali, amministratori e amanti della cultura e della storia della Sicilia. A condurre saranno la giornalista Marianna La Barbera e l’architetto Antonella Italia presidente Itimed. “Con l’ITmed – afferma l’assessore Rosario Lodico – abbiamo stipulato una convenzione con l’auspicio che il nostro paese possa essere inserito nei circuiti legati agli antichi cammini e pellegrinaggi connessi al turismo religioso con riferimento alla via Francigena Siciliana.” Le vie Francigene erano le vie di comunicazione europee in epoca medioevale. Vie di pellegrinaggio, di scambi e commercio, percorse anche dagli eserciti nei loro spostamenti. In questo contesto il paese di Petralia Soprana con il suo splendido centro storico e la storia artistica religiosa che annovera personaggi come Frate Umile ben si presta a diventare attrazione nelle alte Madonie.



E' possibile commentare l'articolo, nell'apposito spazio sotto, solo se si possiede un account regolarmente registrato su un social network. Per questo cefalunews non è responsabile per ciò che si scrive nei commenti. La responsabilità di ciò che riporta ogni commento è del suo autore: identificato con precise generalità che vengono registrate negli archivi del social network nel momento in cui si iscrive e ottiene un proprio account

.